Il resoconto del Tolkien Reading Day 2020

Le iniziative all’estero

Rispondendo agli inviti della Tolkien Society moltissime associazioni, grandi o piccole, sparse per il mondo hanno organizzato i loro eventi. Tuttavia, data la situazione attuale, molti di questi eventi sono stati annullati o spostati su piattaforme online, a partire dall’associazione madre inglese.

La Tolkien Society (UK) ha infatti spostato l’evento sulle piattaforme online con un hashtag particolare per questa giornata: #readtolkienathome2020. L’hashtag è stato lanciato mercoledì 25 marzo stesso su Twitter e Facebook e ha incoraggiato la comunità di Tolkien a includerlo nelle proprie letture registrate, post, riflessioni, citazioni ecc.

Tolkien Collector’s Guide

Sulla pagina dedicata all’evento del suo sito, la Tolkien Society ha fatto numerose proposte ed elargito consigli su come celebrare al meglio pur restando a casa: ha segnalato gli e-book più appropriati per la giornata disponibili gratuitamente presso le librerie online, consigliato gli audiolibri de Il Signore degli Anelli e Il Silmarillion reperibili su Audible.co.uk, suggerito numerosi podcast di argomento tolkieniano e rilanciato l’evento di lettura online su Discord organizzato da Tolkien Collector’s Guide. In occasione di questo appuntamento organizzato dalla Tolkien Collector’s Guide era possibile prenotarsi ed essere “schedulati” per leggere in diretta i brani dei lettori in merito al tema di quest’anno e non solo, così come sono state variegate le opere lette. Tra coloro che hanno attivamente partecipato non c’erano solo nomi di appassionati ma molti erano esperti studiosi di Tolkien, artisti e ognuno di loro ha contribuito con analisi e brani letti in diretta oppure con opere di disegno. Tra gli ospiti di rilievo ricordiamo: John Garth, Carl Hostetter, Andrew Higgins, Brian Sibley, Dimitra Fimi, Ted Nasmith, Anke Eissman e Verlyn Flieger.

Per chi non era interessato a interagire direttamente tramite Discord, c’era la possibilità di seguire una diretta video sul canale YouTube della Deutsche Tolkien Gesellschaft, la Società Tolkieniana Tedesca. Per accordi presi con HarperCollins e la Tolkien Estate, il video è stato accessibile solo durante la diretta stessa, e non è stato salvato tra i video del canale.

Dal canto suo, la Deutsche Tolkien Gesellschaft ha a sua volta offerto una sua programmazione, dividendo il Tolkien Lesetag 2020 in tanti sotto-eventi con l’hashtag #TolkienTrotztCorona, cioè “Tolkien affronta il coronavirus”. Oltre alla diretta Discord in collaborazione con la Tolkien Collector’s Guide, la società tedesca ha organizzato tre serate di lettura (il 21, il 25 e il 29 marzo) ed una settimana intera, dal 30 Marzo al 5 Aprile, in cui quotidianamente un membro della società ha pubblicato sulla pagina FB dell’associazione una video-lettura di un brano da lui scelto

Hanno fatto ricorso ad incontri su Discord anche i membri e seguaci di Tolkiendil (Francia) e la Sociedad Tolkien Española (Spagna). In particolare l’associazione francese ha dovuto rinunciare alle iniziative che aveva organizzato sul territorio con due punti di ritrovo a Lille e Tolosa, mentre la Spagna si è distinta per la durata della video-conferenza, iniziata alle 17 e conclusasi alle 22, permettendo al maggior numero possibile di appassionati di prenotarsi e leggere il brano scelto.

Dalla Francia ha partecipato al Tolkien Reading Day anche il Musée de l’Armée presso l’Hôtel national des Invalides a Parigi. In giornata infatti il Museo ha annunciato di aver pubblicato su SoundCloud il podcast intitolato La guerra nelle opere di Tolkien, ossia le registrazioni dell’omonima serie di conferenze che il Museo ha organizzato in collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Francia in occasione della recente, magnifica mostra Tolkien, voyage en Terre du Milieu ospitata appunto dalla Biblioteca.

#TolkienReadingDay Pas de livres de Tolkien à la maison ? Pas de problème ! Écoutez le podcast "la guerre dans…

Pubblicato da Musée de l'Armée su Mercoledì 25 marzo 2020

Sempre sul web ma non su Discord, bensì tramite Microsoft Teams, si sono alternati nella lettura dei brani tolkieniani su Natura e Industria i membri della Magyar Tolkien Társaság, la Società Tolkieniana Ungherese.

Quella che si prospetta per il mondo tolkieniano, il Tolkien Reading Day l’ha mostrato, è l’inevitabile annullamento di numerosi eventi: successivamente al Tolkien Reading Day è stato cancellato Tolkien in Vermont (USA), conferenza universitaria ormai giunta alla sua 17° edizione, che si sarebbe dovuta tenere il 3 ed il 4 aprile sul tema Tolkien and the Classics; è stato annullato anche l’International Medieval Congress (IMC) di Leeds, «il più grande forum europeo per la condivisione di idee in materia di studi medievali», al cui interno erano previste delle sessioni dedicate a Tolkien; anche il Tolkien Seminar, che dal 1986 ha luogo a Leeds la domenica che precede l’IMC, quest’anno è già stato annunciato che prevederà la partecipazione per videoconferenza.

Nonostante il gran numero di eventi annullati , nonostante l’ascoltarsi o il vedersi attraverso la tecnologia non potrà mai competere con la vera convivialità degli hobbit, il Tolkien Reading Day, anche quello di quest’anno, varrà sempre la pena festeggiarlo, anzi forse è proprio questo l’anno in cui abbiamo avuto la possibilità di viverlo in maniera più significativa. Infatti è proprio quando riprendiamo in mano le opere di Tolkien, quando ne sentiamo il frusciare delle pagine sulle nostre dita e quando corriamo con i nostri occhi lungo le righe, è allora che ci ricordiamo di come sotto quelle parole scorra la vita insieme a ciò di cui abbiamo più bisogno in questi giorni: la Speranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *