Gli orchetti e la composizione ontologica

La venuta degli orchetti

E qui arriviamo finalmente agli orchetti come principio scatenante di questa speculazione. Sì, è solo una divagazione. Si tratta di letteratura, di ciò che esiste solo in termini di fantasia. Enti della ragione, senza esistenza materiale, è bene ricordarlo sempre. Nello stesso senso, è un libero e divertente esercizio di speculazione senza una prova inconfutabile nel legendarium tolkieniano stesso.

Il racconto del Silmarillion dimostra questa particolarità di Eru come puro atto di essere. Quando cadde in disgrazia, Melkor fu chiamato Morgoth – all’inizio da Fëanor e dai suoi seguaci – e decise di prendere in giro Eru, trasformando elfi e uomini in orchetti. Ora, la sua incapacità di creare esseri malvagi per natura dimostra già la sua incapacità di fronte all’essere, perché poteva solo alterare le creature di Eru e non creare, ex nihilo, creature malvagie.

John Howe, Melkor

La questione che voglio sottolineare è l’operazione metafisica compiuta da Morgoth nella sub-creazione di orchetti come corruzione e deformazione. In effetti, l’essenza stessa degli uomini e degli elfi era la base per la formazione di una nuova specie. Non era solo un esperimento biologico, in cui i bambini degli orchetti sarebbero nati come uomini o elfi e sarebbero stati torturati fin dall’infanzia per crescere come orchetti. Allo stesso modo, non è il caso in cui se un orchetto si riscattasse e tornasse all’obbedienza ai Valar ed Eru, sarebbe di nuovo un uomo o un elfo. Ma Morgoth, usando il potere sub-creativo dei Valar, creò una nuova essenza, la natura orchesca.

Proprio perché mancava la Fiamma Imperitura, l’atto di essere, era necessario sub-creare da qualcosa di una natura già senziente e intelligente, come uomini ed elfi. Altrimenti sarebbero stati solo tali automi, come lo erano i nani quando Aulë li ha sub-creati, perché a loro il Fabbro ha dato solo l’essenza (essentia), cioè l’organizzazione strutturale tra forma e materia, ma non ha dato l’essere (esse), in quanto è qualcosa che solo Eru poteva concedere, come ha effettivamente fatto dopo che Aulë ha riconosciuto il suo errore, chiesto perdono e, quindi, ha avuto i suoi figli pienamente costituiti nell’essere, con libertà e ragione.

Se gli orchetti fossero solo sub-creazioni dello stesso Morgoth, non potrebbero mai essere (esse) in realtà, dal momento che Eru non lo concederebbe. Pertanto, il Nemico ha dovuto usare uomini ed elfi come base, poiché questi enti (ens) già partecipavano (participatio) dell’essere in Eru. Allo stesso modo, avevano già l’essere (esse), quello stesso essere che serviva come supporto per la riconfigurazione dell’essenza (essentia) di uomini o elfi alla natura orchesca, garantendo la piena esistenza degli orchetti, con intelligenza, sensibilità e volontà, anche senza il desiderio di Eru, che li sosteneva ancora in essere, anche se erano mostri, poiché derivavano da creature, elfi e uomini, che erano prima di essere trasformati in orchetti. È proprio in questo senso che la sub-creazione dei Valar, comprese le essenze, è molto più un “fare” nel senso di un riordinare a partire da realtà pre-esistenti piuttosto che un “creare” in senso proprio, nel senso di creare dal nulla, la capacità esclusiva di Eru.

Questa è la grande profanazione di Morgoth, una terribile blasfemia. Pertanto, i bambini orchetti erano già nati orchetti, perché condividevano l’essenza degli orchetti creata da Morgoth e perché avevano l’atto di essere concesso da Eru a uomini ed elfi, servendo come base per la corruzione originale di Morgoth. Ciò accadrebbe in modo analogo al peccato originale nel mondo primario – anche se, nel caso dell’origine degli orchetti, con l’aggiunta dell’alterazione dell’essenza stessa degli enti – essendo ereditario in modo ineluttabile.

Tuttavia, questa nuova essenza, la natura orchesca, non sarebbe di per sé cattiva, anche se fosse una corruzione, nel senso di alterazione degenerativa, di uomini ed elfi. Infatti, anche se un orchetto abbandonasse le truppe di Morgoth o Sauron e chiedesse asilo tra i popoli liberi e se, lentamente, tornasse all’obbedienza verso i Valar, continuerebbe con il suo corpo da orchetto e con le sue caratteristiche mentali e spirituali da orchetto, anche se sviluppasse virtù elfiche e raffinatezza. La sua preferenza per l’abitazione in alcune zone dell’ambiente naturale, la sua rusticità nel trattare con strumenti e medicine, il suo modo di amare e organizzare la comunità sarebbero ancora più brutali, anche se non necessariamente cattivi.

Ci sono altre narrazioni, comprese quelle di Maiar sotto forma di orchetti, ma voglio sottolineare questa versione della corruzione di uomini ed elfi negli orchetti, in cui possiamo verificare che è confermata la teoria secondo cui i Valar non potevano creare dal nulla, come Eru, né dare vita senziente e intelligente alla materia preesistente, facendo solo automi senza volontà o sensibilità. Ad esempio, nella sezione Myths Transformed del libro Morgoth’s Ring, nella serie The History of Middle-earth, ci sono molte altre narrazioni per la nascita degli orchetti che differiscono da quella del Silmarillion, come gli orchetti che sono in realtà degli automi guidati solo da Volontà di Morgoth; o sono Maiar corrotti sotto forma di orchetti; o anche derivati da uomini ed elfi che erano già crudeli, che si corrompevano volontariamente a Morgoth, la cui perversità dell’anima si esprimeva nella deformazione del corpo.

Ovviamente, la scelta di ciascuna di queste narrazioni sull’origine precisa dell’aspetto degli orchetti altera il risultato di questo esercizio metafisico speculativo. Tuttavia, ciò che è comune a tutti loro, ed è l’argomento centrale di questo saggio, è che i Valar possono in effetti sub-creare essenze, come ha fatto Aulë con i nani, come Yavanna con gli Ent e Manwë con le aquile. Allo stesso modo, i Valar dipendono dalla grazia di Eru affinché tali essenze ricevano la grazia dell’atto di essere. Morgoth, essendo il più potente dei Valar, possedeva anche questa caratteristica dell’essenza “valarica” e, proprio perché questa natura delle Potenze del Mondo non era divina nel senso proprio, gli mancava la possibilità di concedere l’atto di essere, una prerogativa di Eru. Così, Morgoth dovette parassitare creature che già erano originariamente, per concepire le sue essenze sub-create come una sovrapposizione ontologica.

Ne Il Silmarillion si dice che Arda sia composta da una parte dell’essenza di Melkor, così come da quella di ciascuno dei Valar. Così, proprio come le acque sono per Ulmo e l’aria per Manwë, le distruttive fiamme vulcaniche sono per Morgoth. Ancora una volta, il potere creativo dei Valar è indiscutibilmente superiore a quello angelico.

In Morgoth’s Ring, infatti, il racconto della profanazione di Morgoth è ancora più terribile, poiché la sua incarnazione permanente in Arda mirerebbe a controllare completamente la faccenda, nel tentativo di identificarsi con essa, attraverso un’operazione simile a quella che Sauron avrebbe tentato più tardi con l’Unico Anello. Il suo successo fu, tuttavia, parziale. Sebbene tutta la materia in Arda avesse qualche ingrediente Morgoth, e quindi la materia fosse decaduta e marcita, questa identificazione non era assoluta, poiché Morgoth stesso non aveva creato la materia, come lo stesso Tolkien sottolinea nel testo. In effetti, alcuni elementi avevano più probabilità di esaltare questo ingrediente di Morgoth, come l’oro, mentre altri erano più puri, come l’acqua, che è descritta come praticamente esente dall’influenza di Morgoth.

Questa descrizione nel Morgoth’s Ring è audace e sembra essere al limite del monoteismo, tangendo la possibilità di un’interpretazione di un dio creatore malvagio, vicino al manicheismo. Tuttavia, Tolkien desidera affermare, in questa versione, che Morgoth non è il creatore della materia con cui ha cercato di fondersi e che il suo successo è stato solo parziale, con una variazione nel suo grado di influenza tra gli elementi.

In questo senso, in una caratteristica analoga al cristianesimo, possiamo avvicinare Morgoth a Satana, poiché il peccato come origine della morte nel mondo è un’invenzione angelica, o sub-creazione. E sebbene teologicamente non vi sia consenso sul fatto che questo stesso peccato sia stato fisicamente portato nella dimensione materiale, Satana è chiamato il principe di questo mondo, proprio come San Paolo (Rom 8, 18-25) scrive che la Creazione stessa è stata sottoposta alla caducità nella speranza che anche la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione. Inoltre, nella Bibbia, molti elementi hanno significati sia positivi che negativi a seconda del contesto, come l’esempio dell’acqua, che nella leggenda di Tolkien è il più libero dalla contaminazione di Morgoth. In questo caso, pur essendo “biblicamente” associate al caos e alla distruzione, come nel diluvio, le acque sono soprattutto simbolo del battesimo e della purificazione dell’uomo e del rinnovamento della terra. Così, nella descrizione della Terra di Mezzo, Tolkien ammorbidisce questo aspetto negativo dell’acqua, sebbene ammetta che può essere profanata, e sottolinea il suo aspetto purificante e la vicinanza alla divinità nel senso proprio di Ilúvatar. Lo si vede, oltre al ricordo delle isole di Númenor e Valinor, nelle abbondanti descrizioni di meraviglia e nostalgia per il mare ne Il Signore degli Anelli.

Redenzione per gli orchetti?

Quindi la domanda sorge spontanea: gli orchetti avrebbero la redenzione? Come abbiamo detto, dipende da quale versione della loro comparsa adottiamo. Se sono come ci appaiono in una delle versioni di Morgoth’s Ring, solo esseri bestiali animati dalla volontà malvagia di Morgoth, allora non sono veramente degli enti, ma solo costrutti del male senza un’anima spirituale e quindi ovviamente non hanno salvezza.

Tuttavia, secondo la versione de Il Silmarillion, furono originariamente creati come elfi e uomini, un’essenza compatibile con il loro atto di essere, che è una partecipazione dell’essere di Eru stesso. Il male non può creare dal nulla, può solo corrompere, e la natura orchesca, sebbene il risultato di una corruzione trasformativa della natura umana o elfica, non è di per sé cattiva, perché condivide l’essere di Eru. Tant’è vero che i piccoli orchetti dovrebbero essere torturati e allevati in un ambiente violento in modo che possano essere addestrati alla violenza. Coloro che non si adattarono probabilmente morirono rapidamente durante l’infanzia e solo coloro che erano stati deformati dalla violenza e dal male riuscirono a sopravvivere, in un processo di selezione demoniaca artificiale. Sotto un altro aspetto, gli Uruk-hai furono orchetti perfezionati, cresciuti nella crudeltà e nella sofferenza, proprio perché plasmati nella tortura e nella perversità.

Disegno speculativo attribuito ad Alan Lee su come nascono e vengono allevati gli orchi.

Inoltre, gli orchetti non sono necessariamente demoni incarnati in modo provvisorio e, sebbene profondamente condizionati da Morgoth e Sauron, potrebbero, secondo Morgoth’s Ring, ribellarsi ai loro padroni e cercare un posto tra i popoli liberi. Se ciò dovesse accadere, e Tolkien afferma che questa era l’opinione dei saggi, non dovrebbero essere tormentati o torturati e, se chiedessero misericordia, dovrebbe essere concessa. Tuttavia è inimmaginabile quanta corruzione nella loro intelligenza, volontà e sensibilità debba essere rimossa. Forse, come nella tradizione cristiana basata sulla narrativa biblica sull’abolizione del peccato originale, solo un’incarnazione diretta di Eru nel mondo materiale potrebbe fare un tale miracolo.

Come tutti gli esseri di Arda, secondo le terminologie proprie di Tolkien, l’essenza dell’orchetto era composta da hröa (corpo) e fëa (spirito), ma doveva essere animata dalla Fiamma Imperitura. Infatti, la composizione ontologica degli enti in Arda è l’essenza (hröa e fëa) più l’atto di essere (Fiamma Imperitura). Anche in altre essenze superiori a elfi, uomini e orchetti, come nel caso dei Maiar, ausiliari dei Valar, in cui la natura include ancora la possibilità del fana, una struttura materiale più potente dell’hröa, è richiesta anche l’infusione della Fiamma Imperitura per la sua realizzazione nell’essere. Nel caso dei Valar, la partecipazione del hröa è quasi un accidente, ma la sua connessione con il mondo materiale richiede un certo bisogno della componente fisica, anche se è superflua, così come è nella natura umana usare abiti e strumenti per la loro protezione ed espressione culturale.

Da questa prospettiva secondo cui l’essenza di un ente richiede una dimensione materiale per la sua realizzazione, San Tommaso d’Aquino spiega nella Summa Theologica che gli angeli caduti sono irrimediabilmente malvagi perché hanno scelto sulla base della piena conoscenza in modo intelligibile, senza essere vincolati dai limiti del processo di conoscenza attraverso i sensi nella struttura del corpo, percependo tutto ciò che coinvolgeva le loro azioni. Quindi, la loro scelta è stata unica e definitiva. Al contrario, gli uomini, poiché hanno un corpo e sono guidati dalla conoscenza attraverso le limitazioni corporee dei sensi, non hanno piena conoscenza delle proprie azioni, avendo la possibilità di essere perdonati e ricominciare da capo.

Ora, anche i Valar sono attaccati ad Arda, in corpi o elementi della natura, come i mari di Ulmo. Si dice ne Il Silmarillion che, quando i Valar scesero ad Arda, dimenticarono gran parte di ciò che avevano visto nella mente di Eru, al di fuori del tempo e dello spazio, e alcune parti della storia che si svolse ad Arda erano oscure anche per loro. Così, essendo legati alla materia fino alla fine del mondo e con memoria limitata del Canto e della Visione di Ilúvatar, essi stessi potrebbero sbagliare ed essere perdonati, come accadde nell’episodio di Aulë e nella sub-creazione dell’essenza dei nani.

In quel senso, all’estremo, anche Sauron potrebbe essere riscattato. L’unico incarnato che si era già perso era, forse, Morgoth, perché si dice che fosse quello che manteneva la conoscenza del tempo prima dei tempi, della grande musica nella mente di Eru, perché capiva un po’ di tutti gli Ainur, e che anche così mantenne la sua posizione di ribellione, fino a quando fu bandito nel Vuoto. Tuttavia, si dice che parte del suo odio e della sua violenza siano stati lasciati come un difetto nel mondo, ed è con questa follia che egli muove la volontà dei popoli liberi nello stesso vuoto in cui giace.


Nota della Redazione

Ci preme sottolineare, come già ha fatto l’autore all’inizio, che questo saggio breve non intende dimostrare una ispirazione diretta da San Tommaso d’Aquino per la origine degli orchi. Già ne La Caduta di Gondolin del 1917 Tolkien parla degli orchetti come plasmati da Melkor dalle melme delle profondità della sua roccaforte, eppure già si ipotizza nel testo che Noldoli e orchetti possano essersi mescolati. L’origine degli orchi fu dunque un dubbio costante nella composizione del legendarium, fin dalle prime stesure del Libro dei Racconti Perduti, e non si hanno particolari prove che Tolkien allora fosse un profondo conoscitore di San Tommaso d’Aquino, mentre sappiamo che in seguito possedette un copia della Summa Theologica e che vi scrisse annotazioni a matita. Lo scopo principale di questo saggio breve è invece dimostrare la profondità filosofica delle opere di fantasia tolkieniane attraverso una discussione fatta secondo gli strumenti filosofici e teologici di San Tommaso d’Aquino, Dottore della Chiesa.


© 2020 by Diego Klautatu. Translated with the permission of the author. Klautau’s original article in Portoguese can be found here: https://tolkienista.com/2020/07/17/orques-e-a-composicao-ontologica/

Traduzione di Erie Rizzi Neves

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *