I Tolkien Society Awards 2020

di Sebastiano Tassinari


Ogni anno la primavera della Tolkien Society, la madre di tutte le società tolkieniane nel mondo, è segnata da due eventi principali: il Tolkien Reading Day il 25 marzo e l’Assemblea Generale Annuale, insieme allo Springmoot, in un fine settimana di aprile.

Dal 1972 infatti l’Assemblea e lo Springmoot vengono ospitati in uno smial del Regno Unito: l’Assemblea vede la discussione di affari formali sulla gestione della Tolkien Society. A seguire, lo Springmoot è invece una cena semi-formale con un oratore ospite, il cui ruolo negli anni è stato coperto da nomi come Priscilla Tolkien, Michael Tolkien, Tom Shippey, Humphrey Carpenter, Rayner Unwin, e Ted Nasmith. Ma è solo dal 2014 che tra i compiti dell’oratore è entrato a far parte anche l’annuncio dei vincitori dei Tolkien Society Awards. L’obiettivo di queste premiazioni è riconoscere le eccellenze in fatto di diffusione delle conoscenze di Tolkien, in diversi campi artistico-culturali. È una iniziativa profondamente in linea con gli scopi della Tolkien Society, fondata appunto per promuovere le ricerche sulla vita e le opere letterarie del professor Tolkien, ed educare in questi ambiti le persone, dai semplici appassionati alle figure accademiche di spicco.

Quest’anno ovviamente è stato annullato lo Springmoot per via dell’emergenza legata al coronavirus. Per lo stesso motivo anche l’Assemblea Generale si è svolta online sulla piattaforma Zoom la sera del 18 aprile, ed è stato nel momento finale che sono stati annunciati i vincitori.

Come in passato, pensiamo che valga la pena approfondire e guardare da vicino tutti i candidati, per avere un’idea dello “stato dell’arte” degli studi tolkieniani internazionali e della diffusione di Tolkien nelle arti figurative e sul web. Le categorie infatti quest’anno sono state:
Miglior Opera d’Arte,
Miglior Articolo,
Miglior Libro,
Miglior Contenuto Online,
Premio per Contributo Eccezionale

Le tappe del concorso

Ricordiamo anche la cronologia di quest’anno del concorso, il cui iter si è diviso in tre parti:

  1. Raccolta delle candidature. È stata aperta dal 9 febbraio al 6 marzo di quest’anno. In questa fase era consentito a chiunque candidare delle opere o dei media nelle rispettive categorie compilando un modulo sul sito della Tolkien Society.
  2. Selezione delle candidature. È una fase riservata agli amministratori della Tolkien Society, che hanno valutato tutte le candidature per sceglierne una rosa che è passata all’ultima fase della Votazione. Nella fase di selezione, il numero di candidature di una stessa opera o media è totalmente ininfluente. La Selezione si è conclusa il 5 aprile.
  3. Votazione. Quest’ultima fase è riservata ai soci della Tolkien Society. Accedendo al sito con le proprie credenziali, i soci erano chiamati a esprimere una preferenza per ogni categoria in concorso. Questa parte finale del concorso è durata dal 5 aprile alla mezzanotte del 17 aprile.

Nelle prossime pagine vedremo i candidati delle singole categorie.

(segue a p. 2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *