ARRIVA PREPARATO!
con i consigli di Gianluca

Per capire perché l’invenzione dei Linguaggi sia così fondamentale per le storie di Tolkien, ecco i consigli di lettura da chi terrà il corso. L’Elfico non è un semplice sistema linguistico coerente nella morfologia e nella sintassi, ma trova la sua ragione d’essere nel mito che vorrebbe raccontare. Per assumere il punto di vista di J.R.R. Tolkien e degli Elfi le cui favelle sono materia del corso si suggerisce l’acquisto o la consultazione di due volumi della collana Tolkien e dintorni di Marietti, ovvero Schegge di Luce. Logos e linguaggio nel mondo di Tolkien di Verlyn Flieger e un libro che si compone di scritti originali di J.R.R. Tolkien La trasmissione del pensiero e la numerazione degli Elfi, insieme ad altri libri della collana che offrano importanti scorci di contesto biografico e filologico.


Oppure acquistalo su IBS.it

Schegge di Luce. Logos e linguaggio nel mondo di Tolkien

Autore:  Verlyn Flieger

Il Signore degli Anelli era il brandello più brillante, ma pur sempre un brandello della mitologia che albergò nel cuore di Tolkien per tutta la sua vita, occupando sempre la sua ragione e i suoi sforzi. Verlyn Flieger ha ricercato il significato di questa brillanza nel glossopoieta, in quell’unico filologo che si applica creativamente e secondo una visione unitaria, metafisica, del linguaggio e del mito, all’invenzione del linguaggio; e nell’uomo con le sue certezze e sofferenze, nell’umanità degli Elfi. Come il prisma rifrange la luce e nello spettro la realtà si mostra distinta, così le parole discendono da un’unità semantica primeva che conserva il significato intatto, i cui molti riverberi in nuovi termini ne sono sfaccettatura. La teoria di Owen Barfield o di Barfield-Tolkien, nel Silmarillion riceve nuova attuazione nelle voci elfiche e di eco-in-eco, di parola-in-parola, si può percorrere il cammino del significato, dalla penombra per l’anelito alla luce.

 


Oppure acquistalo su IBS.it

J.R.R. Tolkien: La via per la Terra di Mezzo

Autore:  Tom Shippey

Qual è la natura dell’invenzione? Il volume di Shippey, l’anno 0 della critica di Tolkien, si getta nel processo creativo dell’autore e rintraccia nel suo lavoro di tutta la vita il metodo con il quale Tolkien ha dato forma letteraria e linguistica alla Terra-di-Mezzo: la Filologia. Shippey, filologo come Tolkien, illustra una serie sconfinata di ispirazioni che spaziano dai miti più antichi a “semplici” toponimi provinciali, ed ad ogni analisi corrobora l’idea che Tolkien prima di tutto s’interessasse alla parola che stava scrivendo o che avrebbe voluto scrivere e che da quella parola, dalle sue variazioni e dai suoi significati originali (spesso riunificati), la storia prendesse poi corpo. Dalle parole-asterisco, a mondi-asterisco, alle storie-asterisco. La verità di queste storie, impossibile cercarla mediante un approccio soltanto letterario, è la stessa verità di tutti quegli uomini prima di Tolkien che hanno parlato anglosassone, norreno, gotico, finnico, latino, etc. e che con queste lingue hanno raccontato le loro storie, sia che siano miti, fiabe, o che si tratti di dare un nome ad una collina.


Oppure acquistalo su IBS.it

Tolkien e la Grande Guerra : La Soglia della Terra di Mezzo

Autore:  John Garth

Molto più di una semplice biografia di J.R.R. Tolkien dagli anni di scuola al King Edward’s College fino alla convalescenza dalla Grande Guerra, il libro di John Garth ricerca quei momenti in cui il giovane studente e presto soldato avventura i primi passi in un mito nascente, debitore di tutti quelli incontrati nel proprio percorso formativo ma calco di nessuno; e debitore degli amici del T.C.B.S., le cui parole dalle lettere smuovono le più intime e grandi aspirazioni, non soffocate ma acuite dalla grande tragedia cui andavano incontro e che non lascerà quasi alcun superstite tra i cari di John Ronald. Dalle poesie liriche abbozzate ai racconti di un popolo esule narrati alla sua Lùthien, Edith, questo libro apre una luminosa finestra sulla giovane vita di Tolkien dalla sua opera senza sminuire nessuna delle due. Uno dei testi immancabili sullo scaffale di ogni appassionato.

Oppure su IBS.it

La trasmissione del pensiero e la numerazione degli Elfi

Autore:  J.R.R. Tolkien
Curatori: Roberto Arduini e Claudio Antonio Testi
Traduzione di Giampaolo Canzonieri, Gianluca Comastri, Roberto Fontana, Lorenzo Gammarelli, Alberto Ladavas, illustrazioni di Simona Calavetta

La trasmissione del pensiero e la numerazione degli Elfi è un libro unico al mondo perché per la prima volta raccoglie in un solo volume alcuni saggi di J.R.R. Tolkien apparsi su quattro differenti numeri della rivista americana Vinyar Tengwar. Soprattutto, per la prima volta i lettore italiano potrà vedere in tutta la sua inimmaginabile accuratezza il complesso metodo mitopoietico di Tolkien, nel quale linguaggio, filologia e letteratura si fondono assieme per sub-creare il meraviglioso e realistico mondo della Terra di Mezzo.

Leggi la prefazione

Se ti piacciono i nostri contenuti, aiutaci a farci conoscere!
  • 1function() {var e=document.createElement('script' );e.setAttribute('type','text/javascript' );e.setAttribute('charset','UTF-8' );e.setAttribute('src','//assets.pinterest.com/js/pinmarklet.js?r='+Math.random()*99999999);document.body.appendChild(e)})(;">
  • 1.6K
    Shares

Note   [ + ]

1. function() {var e=document.createElement('script' );e.setAttribute('type','text/javascript' );e.setAttribute('charset','UTF-8' );e.setAttribute('src','//assets.pinterest.com/js/pinmarklet.js?r='+Math.random()*99999999);document.body.appendChild(e)})(