Beren e Lúthien è l’ennesimo riciclaggio di Christopher Tolkien a fini di mero profitto?

L’annuncio della pubblicazione di Beren e Lúthien il prossimo maggio ha riportato in auge la sempreverde accusa a Christopher Tolkien di speculare sull’opera paterna con operazioni editoriali di dubbia autenticità, al solo scopo di capitalizzare sul suo nome e sul popolare immaginario associato. Queste accuse, per quanto condivise su larga scala, sono però piuttosto deboli alla prova dei fatti.

Rielaborazione grafica di Tolkien Italia. Vietata la riproduzione non concordata.

Rielaborazione grafica di Tolkien Italia. Vietata la riproduzione non concordata.


 

Speciale Beren e Lúthien – Parte 2

<< TORNA ALLA DESCRIZIONE DEL LIBRO

“Ennesimo” è una parola chiave dell’accusa e per un motivo molto semplice. Se anche l’accusatore fosse messo di fronte all’evidenza che di ciò non si tratta, potrebbe obiettare che sia già avvenuto chissà quante volte su autoreferenziale “base empirica”. È chiaro che ciò costituisca un pretesto per poter rivolgere l’accusa a priori. Nella prima pagina abbiamo già mostrato come non esista un particolare motivo per cui il capitolo Beren e Lúthien di Il Silmarillion sia da considerarsi la “versione autentica” da rimaneggiare. Partiamo quindi dal discutere questo “ennesimo“.

Read More