Quando Tolkien abbracciava l’Italia e una certa Italia rifiutava Tolkien

Esce oggi Tolkien e l’Italia di Oronzo Cilli, un libro che ha impegnato l’autore per più di un lustro sulle orme dello scrittore di Il Signore degli Anelli in Italia, nonché lungo il percorso dell’opera stessa tra rifiuti illustri di grandi casi editrici, grandi azzardi di editori più piccoli fino ad anni recenti, passando per il vortice della radicalizzazione politica di fine anni ’70, che lasciò più segni nella memoria collettiva di quanti effettivamente riguardavano l’opera. 

È il caso di dire “Benarrivato!”, o meglio ancora “Ben tornato!”. Perché è un libro che ha il sapore del ritorno a casa quello che Il Cerchio pubblica oggi a firma di Oronzo Cilli, collezionista nel senso più lodevolmente tolkieniano del termine che prosegue una tradizione internazionale così feconda per la ricerca su J.R.R. Tolkien e la sua opera. Un collezionista cioè uno studioso. Uno studioso per cui un volume con una firma sospetta o un paragrafo di un articolo di giornale che lascia un’inedita estemporanea citazione può rivelarsi una traccia, che diventa l’imbocco di un sentiero verso una destinazione spesso troppo lontana per essere intravista. Eppure, se la traccia è ben fiutata, il lungo il sentiero si trovano indicazioni sempre più chiare che alla fine ci sarà qualcosa per cui iniziare il cammino sarà valso lo sforzo.

Read More

Le Lingue degli Elfi, un libro per studiarle. L’autore, Gianluca Comastri «Un sogno che continua»

I contenuti del libro e l’intervista all’autore Gianluca Comastri. Il suo libro sulle Lingue degli Elfi è l’ultimo stadio del suo impegno nella glossopoiesi di J.R.R. Tolkien e viene incontro ad una richiesta insistente degli appassionati italiani, che finalmente trova risposta.  Ma è lungi dall’essere la fine di un’avventura.

lingue-elfiche-libro-gianluca

Grafica rilelaborazione di Tolkien Italia sulla copertina di Gianluca Ganna. Vietata la riproduzione non concordata.


È con grande piacere che ospitiamo su Tolkien Italia il nostro amico e colonna portante Gianluca Comastri, che ci racconta in anteprima il suo primo libro Le lingue degli elfi della Terra-di-Mezzo , opera in due volumi il cui #1, Storia e Sviluppo delle Lingue Elfiche di Arda, è stato pubblicato in questi giorni. Abbiamo potuto visionare le bozze e ci sentiamo tranquillamente affermare che si tratta del primo testo italiano che consente di affrontare lo studio della glossopoiesi di J.R.R. Tolkien in completezza e con metodo specifico, in un linguaggio accessibile a non specialisti ma che sarà una risorsa inestimabile anche per tutti coloro che hanno una preparazione linguistica e cercasse una fonte in Italiano. Un libro che prosegue l’opera meritoria di Gianluca, dai primi anni di attività in Eldalië fino al Corso di Lingue Elfiche che l’associazione ha organizzato quest’anno (di il presente d’ora in avanti sarà libro di testo). L’intervista dopo le specifiche del libro.

Read More

“La Reincarnazione degli Elfi”, è uscito il nuovo libro italiano di J.R.R. Tolkien per Marietti

La collana Marietti Tolkien e dintorni s’impreziosisce di un altro gioiello, inedito anche nel Regno Unito e tradotto direttamente dalla pubblicazione esclusiva francese dove ha trovato prima diffusione: sono i manoscritti su La Reincarnazione degli Elfi.

Il libro con l'immagine di Ivan Cavini in copertina. Grafica elaborata da Tolkien Italia, non riprodurre senza consenso.

Il libro con l’immagine di Ivan Cavini in copertina. Grafica elaborata da © Tolkien Italia, non riprodurre senza consenso.


Quante volte vi siete chiesti se il Glorfindel capitano di Gondolin della Prima Era è lo stesso Elfo che soccorre Frodo braccato dai Nazgûl?

A questa e molte altre più importanti questioni risponde il libro appena uscito, consentendo di entrare più a fondo del processo creativo dell’autore fin nella filosofia della quale ragionava. Annunciato già a marzo come il progetto per il 2016 della collana, è finalmente arrivato puntuale alla stampa La Reincarnazione degli Elfi ed altri scritti, la collezione degli scritti tardi di Tolkien sul ritorno degli Elfi da morte, nella nuova e prima edizione italiana (la seconda europea e mondiale) a cura di Roberto Arduini & Claudio Testi.

Read More

Beren e Lúthien è l’ennesimo riciclaggio di Christopher Tolkien a fini di mero profitto?

L’annuncio della pubblicazione di Beren e Lúthien il prossimo maggio ha riportato in auge la sempreverde accusa a Christopher Tolkien di speculare sull’opera paterna con operazioni editoriali di dubbia autenticità, al solo scopo di capitalizzare sul suo nome e sul popolare immaginario associato. Queste accuse, per quanto condivise su larga scala, sono però piuttosto deboli alla prova dei fatti.

Rielaborazione grafica di Tolkien Italia. Vietata la riproduzione non concordata.

Rielaborazione grafica di Tolkien Italia. Vietata la riproduzione non concordata.


 

Speciale Beren e Lúthien – Parte 2

<< TORNA ALLA DESCRIZIONE DEL LIBRO

“Ennesimo” è una parola chiave dell’accusa e per un motivo molto semplice. Se anche l’accusatore fosse messo di fronte all’evidenza che di ciò non si tratta, potrebbe obiettare che sia già avvenuto chissà quante volte su autoreferenziale “base empirica”. È chiaro che ciò costituisca un pretesto per poter rivolgere l’accusa a priori. Nella prima pagina abbiamo già mostrato come non esista un particolare motivo per cui il capitolo Beren e Lúthien di Il Silmarillion sia da considerarsi la “versione autentica” da rimaneggiare. Partiamo quindi dal discutere questo “ennesimo“.

Read More

Un’amicizia da 100 anni. La vigilia e il primo giorno nella Somme

vlcsnap-2016-07-01-14h43m24s146

Le truppe alleate caricano dalle trincee nella Somme.

30 giugno, nemmeno un mese senza Edith. Geoffrey Smith forse non può capire fino in fondo stavolta il suo amico novello sposo cui si era riunito solo pochi giorni prima che venisse chiamato al fronte per unirsi all’11-esimo dei Fucilieri del Lancashire. A lungo Smith aveva sperato che potessero condividere anche la divisione, lui in forza al 19-esimo e 3° Salford Pal e Ronald. Ma aveva conosciuto (finalmente) anche la sua Edith e vedeva bene che la loro prima estate era stata loro sottratta prima che potesse quasi cominciare. Chissà se ce ne sarebbe mai stata un’altra da vivere insieme!

Read More

L’Arkengemma è un Silmaril?

Arkenstone crown1a2L’articolo è un adattamento divulgativo di alcune pagine del magistrale commentario di John D. Rateliff in The History of the Hobbit cui appartiene la paternità della tesi, parte fondamentale della concezione, innovatrice e dirompente emersa nel testo citato, del legendarium di J.R.R. Tolkien e delle sue relazioni con Lo Hobbit. Il presente autore – riproponendo e aggiornando un contributo già comparso sui nostri canali social – elabora qui umilmente la tesi in un discorso più schematico, attraverso i punti salienti e senza pretesa di completezza nella speranza di allargare la diffusione del testo, ancora piuttosto sconosciuto al pubblico italiano, molto più del più della serie The History of Middle-Earth di cui è essenziale complemento.

Il deluxe set del 2007, con la 1a edizione di The History of the Hobbit in due volumi e il 70esimo anniversario di Lo Hobbit.


 

«”L’Arkengemma! L’Arkengemma!” mormorò Thorin al buio, sognante, con il mento poggiato sulle ginocchia. “Era come un globo dalle mille facce che splendeva come argento alla luce del fuoco, come acqua al sole, come neve sotto le stelle e come pioggia sulla luna!”»
Lo Hobbit, Notizie dall’Interno.

L’Arkengemma è uno dei tre Silmarilli?

La domanda ricorre spessissimo tra chiacchiere tolkieniane ed è tra le principali curiosità dei freschi lettori di Il Silmarillion. La risposta, tutt’altro che scontata, può essere espressa in due formule:

1 – Sia sì (a) che no (b).
2 – Sono i Silmarilli ad essere arkengemme.

Per quanto vi sembrino risposte ambigue o perfino assurde, procediamo con ordine e vedrete che vi sarà tutto chiaro. Divideremo perciò la risposta in paragrafi che vanno a concludersi in enunciati, sulla falsariga di uno schema teorematico.

Read More
  • 1
  • 2